- La Cappadocia

Destinazione: Turchia

/

Tipo Vacanza: Tour Accompagnati

La Cappadocia

Durata: 5 Giorni e 4 Notti

/

Periodo: Maggio 2019

Trattamento: Pensione Completa

Sistemazione: Hotel 4 Stelle

Lingua: Italiano

Partenza: Confermata

Validità Programma: Dal 01/01 al 02/06/2019

Valuta l'Offerta

voto /5 da voti

La Nostra Proposta

Prezzo: €1.230

Quando vuoi partire?

Prossime Partenze

Aeroporto di partenza

Dettagli

Itinerario

1° Giorno

  • Italia
  • Ankara

Italia

.

Ankara

.

2° Giorno

  • Ankara
  • Uchisar

Ankara

.

Uchisar

.

3° Giorno

  • Uchisar
  • Goreme
  • Avanos

Uchisar

.

Goreme

.

Avanos

.

4° Giorno

  • Uchisar
  • Kaymakli
  • Mustafapasa

Uchisar

.

Kaymakli

.

Mustafapasa

.

5° Giorno

  • Uchisar
  • Kayseri
  • Italia

Uchisar

.

Kayseri

.

Italia

.

Programma di Viaggio

29 maggio 2019 - Venezia / Ankara
Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Venezia. Operazioni d’imbarco e partenza con il volo di linea per Ankara via Istanbul. Dopo le formalità doganali incontro con la guida e trasferimento in albergo. Sistemazione nelle camere riservate. Cena in albergo. Dopo la cena passeggiata nel centro città. Rientro in albergo e pernottamento.

30 maggio 2019 - Ankara / Hattusa / Cappadocia
Prima colazione in albergo. Mattino visita il Museo delle Civiltà Anatoliche (Museo degli Ittiti). Partenza per Hattusa. Arrivo e visita dei siti: i più grandi siti ittiti si vedono nella provincia di Çorum, nel Parco Nazionale di Bogazkale, tra Yozgat e la città di Çorum. Un'imponente cinta di doppie mura interrotte dalla Porta Reale, dalla Porta del Leone e dal Yer Kapi (un tunnel sotterraneo), circonda la città ittita di Hattusa (Hattusas), conosciuta oggi come Bogazkale, e di   Yazilikaya , centro religioso ittita, era soprannominata "La Città dei Templi" con oltre 70 templi erano stati qui edificati. I resti più consistenti riguardano il tempio di Tesup, dio delle Tempeste. L'Acropoli comprendeva gli edifici del Governo, il Palazzo Imperiale e gli archivi dell’Impero ittita. Nel 1180 a.C. i frigi devastarono la città. Pranzo in ristorante durante le visite. Al termine delle visite partenza per la Cappadocia. Arrivo in serata. Sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento in albergo.

31 maggio 2019 -  Cappadocia
Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita della regione. Il Parco Nazionale di   Göreme, conosciuta al tempo dei romani sotto il nome di Cappadocia, è uno di quei rari luoghi al mondo nei quali l'opera dell'uomo si mescola sapientemente al paesaggio circostante. Delle abitazioni vennero scavate in questa roccia a partire dal 4000 a.C. Ai tempi di Bisanzio, cappelle e monasteri vennero scavati nella roccia; i loro affreschi con toni ocra, riflettono i colori del paesaggio circostante. Ancora oggi si vedono emergere armonicamente nel paesaggio abitazioni scavate nei coni di roccia e villaggi di tufo vulcanico, il Museo all'aria aperta di Göreme, un complesso monastico di chiese e cappelle rupestri tappezzate di affreschi, è uno dei siti più famosi della Turchia. La maggior parte delle cappelle sono datate dal X al XIII secolo, periodo bizantino e selgiuchide, e sono costruite su un piano a forma di croce, la cui cupola centrale è corretta da quattro colonne. Nelle navate laterali di molte chiese ci sono delle tombe rupestri. Tra le chiese più famose di Goreme, citiamo la Chiesa di Elmali, la più recente e la più piccola del gruppo, la Chiesa Yilanli (Chiesa coi serpenti) con affascinanti affreschi dei dannati tra le spire di serpenti, la Chiesa di Santa Barbara e la Chiesa di Carikli. A breve distanza da questo gruppo centrale abbiamo la Chiesa di Tokali, o Chiesa della Fibbia, con bellissimi affreschi di scene tratte dal Nuovo Testamento. Appena fuori Goreme, si entra in una delle valli più belle della zona. Formazioni rocciose di un mondo fantastico appaiono innanzi a voi, attirando il vostro sguardo su questa meraviglia del creato. Salendo lungo la gradinata fino in cima alla Fortezza di   Uçhisar, si godrà una magnifica vista panoramica di tutta la regione sottostante. A   Çavusin, sulla strada a nord di Goreme, si trovano una chiesa con una triplice abside ed il Monastero di San Giovanni Battista (attualmente è chiusa per il restauro). Camini di Fate fiancheggiano la strada da Cavusin a Zelve. La simpatica città di   Avanos , sulle rive del Fiume Rosso (Kizilirmak), presenta un'architettura autoctona, ed è conosciuta per il suo artigianato. Pranzo in ristorante durante le visite.  Cena e pernottamento.

01 giugno 2019 - Cappadocia
In primissima mattinata possibilità di effettuare  il volo in mongolfiera (facoltativo). Prima colazione in albergo. Intera giornata dedicata alla visita della regione: la città sotterranea di   Kaymakli   era utilizzata dai cristiani nel VII sec. per sfuggire dalle persecuzioni. Rifugiandosi in queste città ben nascoste, i cristiani evitarono il conflitto iconoclastico con Bisanzio e le invasioni. Queste città avevano depositi per il grano, stalle, camere da letto, cucine e condutture d'aria. Oggi esse sono ben illuminate e costituiscono la parte essenziale e più affascinante di un viaggio in Cappadocia. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita di Urgup, centro alle falde di abitazioni rupestri, può essere considerato una base per coloro che desiderano visitare la Cappadocia. Lasciata la città si raggiunge la   Valle di Pancarlik, dove si può visitare una tra le più belle chiese bizantine di Turchia, risalente al XII secolo con i suoi affreschi e la Chiesa di   Kepez   con struttura architettonica datata al X secolo. Continuando verso il tipico villaggio di   Mustafapasa (Sinasos), le tradizionali case di pietra con le fasciate scolpite vi trasporteranno in un'altra epoca. Proseguendo l'itinerario, si attraversa il villaggio di Cemil. Qui, un sentiero porta alla   Valle Keslik   dove si trova il complesso delle Chiese di Karakilise e di Meyvali, decorate con affreschi. Si arriva al villaggio di   Taskinpasa , con la Moschea Caramanide (Karamanid) ed il complesso del mausoleo con le vestigia del portale della medrese. Cena e pernottamento.

02 giugno 2019 -  Cappadocia / Kayseri / Italia
Prima colazione in albergo. Trasferimento all’aeroporto di Kayseri. Pranzo libero. Arrivo ed assistenza per il check-in e partenza con il volo di linea per Venezia. Arrivo, operazioni di sbarco e Fine dei servizi.

Quota individuale di partecipazione

 

SERVIZI
Sistemazione in camera doppia € 1.230
Tasse aeroportuali € 177
Supplemento camera singola € 124
Assicurazione annullamento facoltativa - Assicurazione Annullamento - Clicca qui per Tabella prezzi

 

Comprende Non Comprende
  • Trasporto aereo in classe economica Venezia / Ankara - Kaysari / Venezia
  • Franchigia bagaglio Kg. 20
  • Sistemazione in Hotel di 4* a Ankara e 3 stelle in Cappadocia
  • Trattamento di pensione completa dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno
  • Visite ed escursioni con guida parlante italiano
  • Gli ingressi previsti in programma
  • Tasse e percentuali di servizio
  • Mance in Hotel e nei ristoranti
  • Assicurazione medico bagaglio
  • Tasse e percentuali di servizio
  • Accompagnatore dell’agenzia per tutta la durata del viaggio
  • Le bevande e gli extra di carattere personale
  • İ facchinaggi
  • Le mance alla guida e autista
  • Gli extra di carattere personale
  • Tutto quanto non espressamente indicato nella “Quota Comprende”

Info Utili

Valido al 20.04.2019, pubblicato il 13.03.2019

Informazioni Generali

•    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Si informa che l’ingresso nel Paese per motivi turistici è consentito per un periodo massimo di 90 giorni nell'arco di 180 giorni. Non si richiede in questo caso un visto.

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio.
E’ consentito l’ingresso anche con la sola carta di identità valida per l’espatrio, cartacea o elettronica, in condizioni di perfetta integrità e con una validità residua di almeno 5 mesi, per coloro che:
- entrano in Turchia attraverso tutte le frontiere, per via aerea e marittima;
- entrano in Turchia, dal confine greco e bulgaro, per via ferroviaria e per via terra.
E’ invece assolutamente necessario il passaporto, in condizioni di perfetta integrità e con una validità residua di almeno 5 mesi, per coloro che entrano nel Paese, per via terra e ferroviaria, dai confini del sud-est ed est della Turchia, ovvero dalle frontiere con la Georgia, l’Azerbaigian – exclave del Nakhicevan, l’Iran, l’Iraq e la Siria, (la frontiera con l’Armenia risulta, al momento, chiusa).
In ogni caso, il passaporto deve avere almeno una pagina libera, per l’apposizione dei timbri di entrata ed uscita.
Ai titolari di documenti che non presentino le sopra citate caratteristiche non sarà consentito l’ingresso nel Paese.
Si segnala che non sempre è consentito,quando fermati per respingimento in frontiera, contattare il proprio Consolato/Ambasciata.
Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto o della carta d’identità si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prega di consultare l’Approfondimento “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero”.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento - “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori”

Visti di ingresso: Non necessario per motivi turistici per un periodo massimo di 90 giorni nell’arco di 180 giorni.
Si segnala invece che per viaggi con finalità diverse dal turismo e comunque per rimanere più di 90 giorni nell’arco di 180 giorni rimane l’obbligo del visto, così come in caso di precedenti respingimenti alla frontiera turca o precedente espulsione (anche in questi casi è assolutamente necessario contattare previamente le Rappresentanze turche all’estero).
I cittadini italiani che intendano risiedere o lavorare in Turchia dovranno ottenere il necessario visto e, una volta entrati in Turchia, richiedere quanto prima il pertinente permesso di soggiorno, se previsto.
Dal 5 gennaio 2016 le richieste per tutte le tipologie di visto dovranno essere effettuate attraverso il sito web www.evisa.gov.tr . Tramite il citato portale i richiedenti dovranno compilare il formulario on-line, caricare i documenti richiesti e richiedere un appuntamento presso la sede consolare di competenza per presentare i documenti originali. E’ inoltre obbligatorio il possesso di un’adeguata copertura assicurativa sanitaria per eventuali spese mediche necessarie durante il soggiorno nel Paese.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito: www.mfa.gov.tr/vize-genel-bilgileri.tr.mfa . Si consiglia in ogni caso di rivolgersi alle rappresentanze diplomatiche-consolari turche in Italia (o nel Paese di residenza) per eventuali informazioni di dettaglio o chiarimenti.
In caso di violazione della normativa si segnala che sono previste sanzioni pecuniarie al momento dell’uscita dal Paese; in taluni casi può intervenire l’espulsione con divieto di reingresso.
Si raccomanda altresì di controllare sempre che il timbro venga apposto sia all’ingresso, sia all’uscita dal territorio turco. Si segnala, in particolare, che in caso di viaggi in mare dalla Turchia alle vicine isole greche e di ritorno sul territorio turco, la mancata apposizione del timbro di ingresso è considerata a tutti gli effetti ingresso illegale in Turchia, con conseguente espulsione e divieto di reingresso.
Si segnala infine che le richieste di ingresso da parte di stranieri che non presentino pagine vuote nei loro passaporti o documenti equivalenti verranno respinte.

Accreditamento temporaneo per i giornalisti: si ricorda che, per esercitare anche temporaneamente attività giornalistiche in Turchia, occorre ottenere un accreditamento temporaneo registrandosi al seguente link della Direzione Generale per la Stampa e l’Informazione dell’Ufficio del Primo Ministro della Turchia. Si suggerisce di ottenere il permesso preventivamente per non incorrere in sanzioni da parte delle autorità turche. Per ulteriori informazioni si consiglia di rivolgersi direttamente ad una delle Rappresentanze consolari/diplomatiche turche in Italia.

Formalità valutarie e doganali: per i visitatori temporanei non sono previste restrizioni all’importazione di valuta straniera.
Al fine di non incorrere in pesanti ammende occorre evitare l’acquisto, al di fuori dei normali circuiti commerciali di: coralli, pesci fossili e oggetti di antiquariato.
Le merci importate nel Paese, via terra o area, devono essere sdoganate entro 20 giorni; le merci importate via mare devono essere sdoganate entro 45 giorni. Allo scadere di tali termini le merci vengono nazionalizzate o vendute all’asta dallo Stato.

Viaggiatori con animali: un visitatore può importare un cane o un gatto, purché sia accompagnato da un certificato di buona salute rilasciato (da non più di 15 giorni) da un veterinario che attesti che all'animale è stato somministrato il vaccino antirabbico nel periodo compreso tra 6 mesi e 14 giorni antecedenti. Detto certificato deve essere redatto o tradotto in lingua turca, oppure vidimato da un consolato turco.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 20.04.2019, pubblicato il 13.03.2019

Sicurezza

•    Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità
Lo stato di emergenza, dichiarato dalle autorità turche a seguito del tentato golpe militare del luglio 2016, è giunto a scadenza il 19 luglio 2018. L’apparato di sicurezza nel Paese resta tuttavia visibilmente rafforzato, con controlli rafforzati specialmente nelle "aree di particolare cautela".
 Si raccomanda pertanto ai connazionali cautela negli spostamenti e di tenersi informati sui media internazionali e locali sugli sviluppi della situazione mantenendo contatti anche con la compagnia aerea o l’agente di viaggio.
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di  informare l’ufficio consolare competente per la necessaria assistenza. Si segnala che,  a causa dei decreti adottati durante lo stato di emergenza, possono ancora essere effettuati arresti, anche di cittadini stranieri, senza chiare motivazioni e non sempre è consentito di contattare il proprio Consolato o Ambasciata, anche per periodi prolungati. Il fermo di Polizia può durare fino a 12 giorni, mentre la detenzione amministrativa nei centri di espulsione fino a 6 mesi, rinnovabili.
Per quanto concerne la criminalità comune, soprattutto ad Istanbul e nelle principali destinazioni turistiche, è necessario prestare un ragionevole livello di attenzione ed adottare le precauzioni opportune.

•    Rischio terrorismo
Si susseguono ormai da tempo attentati terroristici  di diversa matrice in varie parti del Paese. Le Autorità turche hanno elevato il livello di allerta e rafforzato le misure di sicurezza in tutta la Turchia  e mantengono un esteso monitoraggio della situazione. Inoltre, hanno ripetutamente diramato segnali di allerta per possibili attentati diretti contro le infrastrutture di trasporto pubblico (inclusi gli aeroporti e la rete metropolitana e di trasporto urbano soprattutto di Istanbul e Ankara) e contro luoghi di culto ed associazioni e fondazioni a carattere religioso. Non vengono esclusi dai luoghi di attenzione anche locali notturni, centri di aggregazione come centri commerciali, ristoranti e alberghi NELLE PRINCIPALI CITTÀ E DESTINAZIONI TURISTICHE DEL PAESE.
Si ricorda che particolari ricorrenze sono state in passato segnate da attentati (strage della notte di Capodanno 2016/2017 a Istanbul).
Si raccomanda pertanto di adottare accresciute misure di cautela in tutto il Paese, soprattutto nei luoghi ad elevata frequentazione a Istanbul, Ankara, nelle principali località balneari e nelle più note mete turistiche all’interno del Paese (es. la Cappadocia), evitando celebrazioni e assembramenti, manifestazioni, installazioni militari e delle Forze dell’ordine, luoghi di culto, associazioni e fondazioni a carattere religioso, nonché la rete metropolitana e dei trasporti pubblici, dove non può essere escluso il rischio di ulteriori attentati terroristici.

    Rischi ambientali e calamità naturali
L’intero Paese è a forte rischio sismico. In caso di eventi di rilievo, attenersi alle indicazioni impartite dalle Autorità locali e mettersi subito in contatto con l’Ambasciata/Consolato competente per zona.
Frequenti le alluvioni nel nord-est del Paese.
Le caratteristiche geografiche, il traffico automobilistico molto intenso ed il combustibile da riscaldamento (in parte ancora a carbone) favoriscono l’inquinamento in alcuni settori delle città di Ankara, Istanbul, Izmir e Antalya (nei giorni senza vento esso può raggiungere anche livelli molto elevati).

•    Aree di particolare cautela
In considerazione della volatilità della situazione ai confini con la Siria, si raccomanda di evitare di recarsi nelle province di Hatay, Gaziantep, Kilis e Sanliurfa, , dove si sono verificati numerosi attentati, e soprattutto nelle aree a ridosso del confine dove permane elevato il rischio di sequestri. Il confine di terra con la Siria è tuttora chiuso al transito e militarmente presidiato, l’area è sottoposta a frequenti controlli e ogni comportamento sospetto (tentativo di attraversamento, riprese audio/video di zone o installazioni militari, o anche solo il fatto di trovarsi in prossimità del confine senza apposite autorizzazioni o documenti validi), oltre a rappresentare un significativo rischio per la propria incolumità personale, può portare al fermo e all’espulsione dal Paese.
Si raccomanda ai connazionali di evitare altresì di recarsi nelle province sud orientali del Paese (province di Adiyaman, Diyarbakir, Elazig, Tunceli, Erzincan, Bingol, Mardin, Batman, Siirt, Bitlis, Mus, Agri, Van, Sirnak, Hakkari), in particolare nelle aree più remote o di montagna, in considerazione della recrudescenza degli scontri tra il PKK e le forze armate e di polizia turche.
Si segnala che la frontiera con l’Armenia è chiusa.

•    Avvertenze
Si consiglia ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio sul portale DOVESIAMONELMONDO;
- non scattare foto in zone militari e a edifici militari o durante comizi e manifestazioni politiche.  Mostrare rispetto verso i simboli dello Stato, in particolare la bandiera, la figura di Atatürk e del Capo dello Stato;
- portare sempre con sé documenti di identità ed eventuali titoli di soggiorno in Turchia;
- seguire sempre le indicazioni e raccomandazioni fornite dalle Autorità locali;
- preferire le strade principali ed evitare le zone disabitate;
- fermarsi immediatamente ad eventuali posti di blocco;
- monitorare eventuali disposizioni di coprifuoco imposte dalle Autorità turche ed in tal caso evitare di viaggiare dopo il tramonto;
- non accettare offerte conviviali da persone sconosciute incontrate casualmente per strada, per quanto appaiano amichevoli o affidabili. Specialmente ad Istanbul vi sono stati casi di truffe perpetrate da malfattori, che, con fare amichevole, conducono i turisti in locali dubbi, dove per una ordinaria consumazione vengono presentati conti molto elevati;
- disporre del passaporto per poter acquistare una SIM card turca per telefoni cellulari o per Ipad;
- richiedere attraverso l’operatore telefonico turco la registrazione del proprio telefonino presso l’Ente di Telecomunicazioni turco, al fine di evitarne il blocco automatico nel caso si volesse acquistare una scheda turca per i cellulari;

Se si è vittima di un reato o in caso di furto o smarrimento di documenti di identità in Turchia, si può richiedere aiuto rivolgendosi alle Forze dell’ordine ai numeri telefonici 174 o 155, con l’assistenza del personale dell’albergo o dell’operatore turistico. Per sporgere denuncia è necessario recarsi presso il Commissariato di Polizia del luogo dove il reato si è consumato.

Negli ultimi mesi si è registrato un incremento degli incidenti, talvolta mortali, nei voli in mongolfiera in Cappadocia. Si consiglia di verificare personalmente le condizioni meteo e più in generale le credenziali dell’operatore scelto per ogni genere di attività comportante potenziali rischi (oltre ai voli in mongolfiera, escursioni in fuoristrada, quad, parapendio, ecc.). È inoltre consigliabile verificare sempre che l'operatore sia munito di una copertura assicurativa adeguata.

Agli scalatori diretti verso l’Ararat si fa presente che ogni attività escursionistica nella zona è subordinata all’ottenimento di autorizzazioni da richiedere alla Rappresentanza diplomatica o consolare turca in Italia (vedi indirizzi utili).

Si verificano, specialmente nella stagione estiva, numerosi incidenti stradali dovuti alla rete stradale inadeguata e alla guida spesso imprudente degli automobilisti locali. Particolare attenzione va prestata nella guida notturna in zone rurali, in quanto i mezzi agricoli circolanti sono sovente sprovvisti di luci.
In caso di incidente, in base alla normativa locale, è obbligatorio attendere l’arrivo della polizia che effettua gli opportuni accertamenti. Si ricorda che i proprietari e conducenti di veicoli che incorrono in contravvenzioni e non sono in grado di provvedere al contestuale pagamento delle multe inflitte, possono essere sottoposti al sequestro del veicolo, fino a quando il pagamento non sarà effettuato. Si segnala che, per eccesso di velocità e/o guida in stato d’ebbrezza o a seguito di consumo di sostanze stupefacenti, l’autorità turca provvede al ritiro della patente con il divieto di guidare sul territorio turco per un periodo variabile.

    Normative locali rilevanti
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga
: la detenzione anche di modiche quantità di sostanze stupefacenti comporta una pena da uno a due anni di reclusione. Lo spaccio di stupefacenti prevede, invece, una pena da 6 a 12 anni di reclusione. In presenza di aggravanti, tale pena può raggiungere i 24 anni di detenzione.

Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro minori: sono previste pene molto severe per coloro che compiono reati di natura sessuale contro i minori.  Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

•    Informazioni per le aziende
Si consiglia alle aziende italiane che inviano tecnici o maestranze anche solo per brevi missioni nel Paese, di adottare specifiche misure di sicurezza e di attenersi alle disposizioni impartite dalle autorità locali in materia di trasferimenti di personale straniero.
Le aziende italiane sono invitate a registrare la presenza di proprie maestranze sul portale DOVESIAMONELMONDO  e a segnalarle all’Ambasciata e ai consolati competenti per area geografica (Istanbul o Izmir).
Inoltre, per le Aziende che per qualunque ragione si trovassero ad operare nelle “Aree di particolare cautela” (vd. sopra), si consiglia di richiedere:
- alla ditta invitante di accompagnare il personale italiano nei tragitti da e per l'aeroporto; spostandosi in ore diurne;
- che il personale italiano sia alloggiato in luoghi sicuri, i cui esatti recapiti siano comunicati alla ditta italiana.
Si consiglia di organizzare per tempo i pernottamenti presso alberghi dotati di sistemi di sorveglianza e di controllo dei visitatori.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 20.04.2019, pubblicato il 13.03.2019

Situazione sanitaria

•    Strutture Sanitarie
In linea generale, la situazione sanitaria del Paese può definirsi soddisfacente, anche se si registrano carenze nelle infrastrutture; alcuni ospedali pubblici non sono in buono stato mentre risultano di miglior livello le cliniche private.

Per ottenere prestazioni sanitarie quali ricoveri urgenti, visite mediche o acquisto di medicinali, i cittadini italiani sono tenuti al pagamento dei relativi onorari/spese, che talvolta possono raggiungere cifre considerevoli.

Si segnala che le Autorità turche hanno nel corso del 2011 informato di avere stabilito un numero di emergenza per i turisti con problemi sanitari: 112 (in inglese, arabo, russo, tedesco) e un numero per i reclami: 184 (nelle stesse lingue).

Inoltre, sono state create Unità per i pazienti stranieri in una serie di ospedali in diciotto diverse province (vedi link http://www.saglik.gov.tr/SaglikTurizmi/belge/1-13511/yurtdisi-hasta-birimi-olan-hastaneler.html  ), nonché centri provinciali di coordinamento per pazienti stranieri nelle città di Ankara, Istanbul, Izmir, Antalya, Mugla e Aydin.

Ulteriori informazioni in inglese, ivi comprese le tariffe, possono essere consultate sul sito: http://www.saglik.gov.tr/SaglikTurizmi/belge/1-13645/mandate-for-health-tourism-and-tourist-health-covers-he-.html .

    Malattie presenti
Nei piccoli centri sono ancora presenti malattie endemiche (infezioni intestinali, epatite, amebe etc.). Gli ultimi casi di influenza aviaria (H5N1) sono stati segnalati in Turchia nel lontano gennaio del 2006 dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nel distretto di Dogubayazit (Provincia di Van), vicino al confine con l'Iran. In tutti i casi i malati vivevano a contatto con volatili infetti. Si sono registrati, nel corso dell’estate del 2010, alcuni casi di infezioni da Virus del Nilo nelle province di Manisa, Izmir (Smirne), Aydin, Isparta e Sakarya, trasmessa da punture di zanzare infette. Sebbene, secondo le Autorità sanitarie locali, in generale non vi siano pericoli, tuttavia nel caso di soggetti a rischio (es. persone affette da particolari patologie) il virus potrebbe portare alla morte per encefalite.

Si consiglia l'adozione di misure contro la puntura di insetti, vedi Info Sanitarie – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara”  sulla home page di questo sito. Per informazioni del caso, si suggerisce di consultare il proprio medico di fiducia, nonché il sito internet del Ministero della Salute al seguente indirizzo:  www.salute.gov.it/malattieInfettive/newsMalattieInfettive.jsp?id=1164&menu=inevidenza&lingua=italiano .

Da alcuni anni si segnalano, in particolare nelle zone dell'Anatolia centrale e orientale, diversi casi di febbre emorragica, molti dei quali con esito letale, causati dalla puntura di zecche.

•    Avvertenze
Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.
Nel periodo estivo - ed in particolare nel sud-est anatolico - si deve prestare particolare attenzione all’acquisto di bevande (l’acqua non è potabile) ed alimenti onde evitare affezioni tifoidee e gastrointestinali che potrebbero dare origine a patologie infettive più gravi.
Si richiama inoltre l’attenzione sul rischio derivante dalla presenza di colibatteri “E” in taluni prodotti e confezioni alimentari. In particolare, è sconsigliato l’acquisto di carne macinata e di diversi tipi di antipasti e insalate miste già confezionate.

•    Vaccinazioni obbligatorie
Nessuna.
Il Ministero della Sanità turco richiede  ai soli passeggeri in partenza per o provenienti da Paesi con regioni colpite da poliomielite endemica (in particolare Afghanistan, India, Pakistan, Nigeria e Tagikistan) che dimostrino di essere vaccinati contro tale malattia. Chi intenda recarsi in Turchia da detti Paesi dovrà pertanto sottoporsi a profilassi vaccinale prima del viaggio. In caso contrario potrà essere vaccinato al proprio arrivo in Turchia oppure sottoscrivere una dichiarazione di espresso rifiuto di misure di prevenzione.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 20.04.2019, pubblicato il 13.03.2019

Viabilita

Patente
Italiana

Assicurazione auto
Un veicolo con targa italiana deve avere la copertura assicurativa della Carta verde, che deve includere tutta la Turchia.
Assicurazione a breve termine
Chi è sprovvisto di polizza di assicurazione straniera valida per l'intera Turchia, deve sottoscrivere una polizza a breve termine.
Un visitatore può ottenere un'assicurazione a breve termine sia presso la sede del TTOK            (Automobile Club) ad Istanbul, sia ai posti di frontiera di Kapikule, Ipsala e Derekoy, oppure presso gli Uffici del TTOK ad Ankara e Antalya, o nei porti di Izmir, Mersin o Iskenderun.

Chi intende noleggiare una autovettura in Turchia deve tenere presente che le locali condizioni assicurative prevedono massimali molto bassi in caso di danni a persone e cose. È opportuno richiedere ulteriori informazioni al riguardo ai Consolati italiani.

Veicoli importati temporaneamente senza documenti doganali
Il visitatore può temporaneamente importare, senza documento doganale, un veicolo  per un periodo massimo di 6 mesi. Alla fine di tale periodo il veicolo deve restare all'estero per 6 mesi prima di poter essere ammesso di nuovo in Turchia.
Sul passaporto dell'importatore vengono indicati gli estremi del veicolo importato e questo deve essere riesportato dalla stessa persona.
Delega alla guida: Si ricorda a chi guida all'estero un'auto non propria che è consigliabile avere una delega a condurre del proprietario con firma autenticata presso un notaio. Si consiglia di avere anche una traduzione in turco della delega stessa.
Nel caso di un veicolo privato importato da un terzo in attesa dell'arrivo del proprietario in Turchia, il conducente deve dichiarare alla dogana che egli conduce il veicolo per conto del proprietario, presentando una lettera di autorizzazione. Un veicolo temporaneamente importato può essere guidato unicamente dall'importatore e non deve essere assolutamente guidato da un terzo, nemmeno se questi non risiede in Turchia.

Limitazioni alla circolazione
La circolazione dei veicoli di peso superiore a 7 tonnellate è vietata ad Istanbul durante i giorni feriali, dalle ore 08.00 alle ore 20.00, ad eccezione delle strade periferiche dirette al ponte Fatih Sultan Mehmet sul Bosforo. È vietato il transito degli autocarri sul vecchio Ponte del Bosforo.

Tasso alcolemico
Il limite massimo del tasso alcolemico è dello 0,05% per i conducenti di veicoli privati senza rimorchio e dello 0% per i conducenti degli altri veicoli.
Test di rilevamento
E' vietata la guida di veicoli a motore sotto l'influenza dell'alcool e chiunque può essere sottoposto all'alco-test. Per tasso di alcolemia superiore al consentito: ammenda e/o arresto da 15 a 60 giorni.

Rete autostradale
Le autostrade sono a pagamento.

Trasporti interni
In merito ai collegamenti interni, si rileva che le maggiori società di trasporto passeggeri a mezzo pullman danno garanzia di adeguato servizio mentre le ferrovie non offrono servizi altrettanto validi. I collegamenti aerei interni, invece,  costituiscono il mezzo più efficiente per spostarsi in Turchia.

Collegamenti con l'Italia
Per i collegamenti con l'Italia esistono voli giornalieri Alitalia, Pegasus Airlines e Turkish Airlines da Istanbul e voli settimanali Turkish Airlines da Ankara.
Le autorità turche hanno inaugurato il nuovo aeroporto di Istanbul (codice ISL) il 29 ottobre 2018. Il traffico aereo verrà completamente trasferito dall'aeroporto internazionale Atatürk (IST) al nuovo scalo il 6 aprile 2019. Si raccomanda ai viaggiatori interessati (anche quelli in transito)  di contattare la propria compagnia aerea per dettagli e aggiornamenti. Non sarà interessato lo scalo di Istanbul Sabiha Gökçen (SAW).  
Per informazioni di carattere generale sulla sicurezza dei voli e sulle compagnie aeree dei Paesi cui è vietato operare nello spazio aereo UE in quanto non in regola con gli standard di sicurezza dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea, si consiglia di consultare la sezione  Sicurezza aerea curata in collaborazione con l’Enac ed il sito della Commissione Europea.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Compila il modulo con i Tuoi dati e verrai contattato, senza impegno